Rome Camp 2008

L’idea, a me e a Nicola, è venuta mentre parlavamo al telefono di Roma e di media sociali e così è nato il wiki di Rome Camp 2008.

Rome - Statue and Bird

Abbiamo messo solo la prima pietra, ma per riuscire il Camp ha bisogno di tante energie creative, delle vostre idee, del vostro aiuto, della vostra partecipazione…

Grazie !

  • Pingback: upnews.it

  • Pingback: Nicola Mattina Blog » Blog Archive » RomeCamp2008: iniziamo a parlarne

  • http://pendodeliri.splinder.com antonio pavolini

    è ovvio che non posso che accogliere con scomposto giubilo questa notizia

    mi sono altrettanto ovviamente iscritto tra i volontari

    non intendo proporre sessioni (sapete come la penso, secondo me dovrebbero parlare solo persone di max 30 anni in questi eventi – i babbioni come me dovrebbero solo stare a sentire e prendere appunti :-)).

    però mi piacerebbe “Volontariare” come ho fatto nelle edizioni precedenti, e cioè registrando e podcastando più interventi possibile, e magari anche qualche intervista volante

    lo so che state pensando allo streaming con mogulus, qik e ustream, ben vengano, ma per la fruizione asincrona l’esperienza mi dice che non c’è niente di meglio che un semplice file audio mp3

    gli interventi in mp3 del primo, storico romecamp al linux club continuano a essere scaricati da blip a quasi due anni di distanza!

    a presto, allora

    a

  • http://www.vincos.it vincos

    che barcamp è senza i tuo podcast ? grazie Antonio !

  • http://www.senzastile.it senzastile

    Presente e a disposizione per collaborare.

  • Pingback: RomeCamp2008 - Si comincia | Luca Sartoni

  • http://www.napolux.com Napolux

    Mi sono iscritto anche se fino a novembre… :P

  • Pingback: RomeCamp08: si aprono le danze! | kawakumi.com

  • http://www.mediameter.it sacha monotti

    bravi complimenti! da romano espatriato apprezzo molto qualsiasi BUONA scusa mi possa riportare a roma….a meno di cataclismi ci sarò!

  • Pingback: Digital PR promuove il Roma Camp 2008 | Business & Blog

  • Pingback: Rome Camp 2008 - Vittorio Pasteris

  • http://www.tecnoetica.it/ Davide

    Caspita: ci sarò….
    Però me lo devo segnare sull’agenda SUBITO :-)

  • http://www.nexres.org/ Stefano

    Complimenti ragazzi state facendo un ottimo lavoro. Anch’io ci sarò, inizio sin da subito a segnalare l’evento anche sul mio blog

  • Pingback: neXres » Blog Archive » Waiting for RomeCamp08

  • http://www.citofonareveru.com MademoiselleAnne

    Presente, presentissima!

  • Pingback: pendodeliri

  • http://www.rai.tv gianluca stazio

    aderisco anche io con entusiasmo e vorrei contribuire praticamente all’evento.
    Lavoro in RaiNet e mi occupo di media digitali
    mi fate sapere cosa posso fare?
    Grazie

  • Pingback: pendodeliri

  • http://pendodeliri.splinder.com antonio pavolini

    @gianluca – beh, data la tua posizione potresti fare un intervento in cui spieghi esattamente quello che sta facendo rainet per avvicinare gli utenti a bassa alfabetizzazione informatica al mondo dei nuovi media. Quello che spesso latita nei barcamp è la capacità di collegare i “nostri” discorsi alle esigenze delle persone. Di tutte le persone. La rai può fare molto, proprio come molto sta già facendo la BBC. in generale mi pare che gli enti radiotelevisivi pubblici, un pò per la storia dei “contratti di servizio” un pò perchè svincolati da rigidissimi modelli di business stanno facendo molto di più rispetto ai vari tycoon privati proprio in questa direzione. E molte idee le potrebbero attuae proprio in collaborazione con le persone che si possono incontrare in un barcamp.

    a

  • Pingback: RomeCamp 2008 | Robie, Walk this way

  • http://www.microsmeta.com/dblog Alex – Microsmeta

    Ciao,
    sulla home http://barcamp.org sotto “Upcoming Camps” le date del RomeCamp2008 sono 28 e 29 novembre.

  • Pingback: La discussione dal blog di Nicola Mattina – RomeCamp

  • http://www.micheleperone.it Michele Perone

    Ci sarò perché ho potuto apprezzare l’approccio di Vincenzo Cosenza che ho conosciuto ad Urbino.

  • Pingback: Quando il social diventa istruttivo « UNIFERPI