Facebook: un nuovo News Feed con filtri più granulari

Il News Feed, il fiume di notizie che ci appare ad ogni ingresso in Facebook, sta per cambiare (qui si può chiedere di testare le novità). È stato appena annunciato un redesign che si focalizza su tre aspetti:

visivo: oltre ad un aggiornamento dell’aspetto grafico della colonna di sinistra, che diventa nera, lo spazio centrale viene ampliato per permettere alle singole storie (anche quelle sponsorizzate) e alle notizie con foto e video di risaltare maggiormente al fine di stimolare l’interazione. Niente di particolarmente innovativo, solo un gap da colmare rispetto a social media emergenti che fanno dell’aspetto visivo un punto di forza.

image

coerenza, in modo che su diverse piattaforme, mobili e desktop, l’esperienza dell’utente risulti non molto differente. Questo è stato uno dei punti deboli del social network, che oggi viene colmato grazie all’acquisizione di Instagram e del suo know how.

20130307-202401.jpg

i filtri: vengono introdotti nuovi modi per estrarre il segnale dal rumore provocato dalle notizie dei nostri amici. È la novità, a mio avviso, più interessante perché prova a fornire nuovi strumenti utili ad attenuare il problema dell’information overload connaturato all’estendersi delle reti e all’aumento della produzione di contenuti (non solo testi e link, ma anche molte foto, video e musica).
Su Facebook finora si poteva decidere di filtrare le notizie secondo due criteri: temporale (notizie recenti) e della prossimità amicale (per vedere solo quelle prodotte da una certa cerchia o da quelli più stretti).
Oggi, sulla colonna di destra, vengono aggiunti filtri contenutistici per ottenere, con un click, solo le condivisioni di foto, musica, giochi oppure quelle provenienti dai gruppi o dalle pagine/persone che seguiamo (senza essere ricambiati nell’amicizia). Dunque un maggior controllo per gli utenti che, decidendo di voler vedere solo le notizie degli amici, eviteranno i messaggi provenienti dalle pagine aziendali.

Un passo in avanti che dovrebbero provare a fare anche tutti gli altri ambienti mediali, in primis Twitter, dove l’unico filtro possibile è a monte, nella costruzione e manutenzione della propria rete di contatti.

4 Comments

  • marzo 8, 2013

    Gabriele Baronio

    Capisco le motivazioni delle loro scelte ma voglio sollevare conunque una questione: siamo davvero sicuri di volere una convergenza tecnologica simile?
    Mi spiego: sul telefono cellulare una newsfeed simile è sensata dato lo schermo piccolo e la fruizione rapida che di solito caratterizza l’utilizzo di questa piattaforma; lo stesso, seppur con tempistiche di fruizione differenti può essere detto per un tablet; ma fino a che punto ha senso portare su di un personal computer (se mi passate il termine antiquato) la stessa interfaccia?

    Da windows 8 abbiamo imparato che interfacce del tutto differenti sulla stessa paittaforma portano a buone dosi di confusione (anche se prese singolarmente possono esser funzionali), ma è cosi’ sbagliato riconoscere e sfruttare le peculiarita’ di ogni sistema?

  • marzo 9, 2013

    Tony Siino

    A me piace. Da notare l’approccio da OS con le icone/finestre.

    • luglio 5, 2013

      Filippo

      a me fa schifo ..vedevo dei contatti ora non più grazie a queste innovazioni ,uffa

  • […] nostro feed. Aspetto comunque di vedere la novità in azione per farmi un’idea più precisa. Vincos ha scritto un ottimo articolo, un po’ tecnico per noi casalinghe del web, ma interessante ed […]