La bomba e il terremoto in Italia: mappe geografiche ed emotive

Due giorni terribili per il nostro paese, che sono passati per la condivisione di pensieri ed emozioni sui social media. Stati di connessione che possono essere analizzati attraverso strumenti che ci permettono di avere un quadro completo dei tanti frammenti di vita che fluiscono tra le nostre timeline.
E così, con Blogmeter, siamo riusciti a visualizzare le emozioni scatenate dall’infame attacco di Brindisi avvenuto ieri mattina. Sono stati circa 100.000 i tweet del 19 maggio con un mood negativo, con un picco di quasi 11.000 intorno alle 13*. Le emozioni emergenti sono di disgusto, tristezza e rabbia (l’aggettivo più usato è “vigliacco”).

mood tragedia brindisi (clicca per ingrandire)

Poi stamattina ci siamo svegliati con il terremoto. [edited] Il primo tweet è di @david_colle, mentre il primo geolocalizzato è di @DJPalmis. Quello dell’Istituto Nazionale di Geofisica arriva più tardi anche se riporta il timestamp dell’1.13. Di seguito sono arrivate le testimonianze di @gluca @kekkoz e della giornalista @liacapizzi (tra i più retwittati come si vede dalla social network analysis in basso**).

social network analysis terremoto (clicca per ingrandire)

Ecco come appare l’Italia con i tweet che presentavano un riferimento geografico stamattina (qui quella dell’intera giornata):

La situazione fino alle 17.30 in termini di mood. Qui le emozioni sono completamente diverse dal giorno precedente.
C’è paura, disgusto, rabbia. Poi prevale il senso civico. Il termine più usato è “numero unico”. In assenza delle istituzioni le persone usano twitter come un canale di servizio per far circolare le informazioni sul numero unico della protezione civile.

il mood su twitter fino alle 17.30 (clicca per ingrandire)

*L’indicazione del sentiment è calcolata attraverso l’identificazione dei sintagmi (espressioni linguistiche complesse) che esprimono un’emotività nei tweet. Questi vengono classificati e poi aggregati per discernere il sentiment complessivo di ogni tweet

**Nella social network analysis visualizzata sono stati esclusi gli account con un numero basso di follower al solo scopo di semplificarne la lettura

Altre risorse utili (segnalatemele pure tra i commenti):

la mappa dei danni provocati
Il racconto attraverso Storify

  • Interessante analisi Vincenzo. Complimenti a te e Blogmeter, soprattutto per la tempestività della condivisione. Spero comunque che non dobbiate mai più monitorare eventi di questo tipo. A presto.

  • Ospite

    Nella sofferenza o nella vincita della nazionale di calcio,noi italiani, siamo sempre uniti;nulla da eccepire a riguardo. Nella quotidianità momento della vita dove una persona e un paese dimostra chi è, vivendo per far crescere la Nazione nei Suoi molteplici aspetti, noi italiani siamo individualisti non siamo uniti, questa è la nostra debolezza. I tedeschi, invece,  sono molto nazionalisti e nel quotidiano della vita sono più popolo. Oggi più che mai con la globalizzazione l’individulismo diventa perdente.Mi scuso per l’esempio con i Teutonici, ma visto che sono il motore trainante della UE ho voluto evidenziare uno dei loro punti di forza-l’unità nazionale del giorno dopo giorno-. Se noi (Italiani) arrivassimo,a questa concezione di popolo, saremmo noi il motore tarinante della EU o al limite saremmo a parità di merito con i Tedeschi.

  • Come sempre, ottimo lavoro di analisi. Mi piacerebbe fosse approfondito l’algoritmo che identifica il sentiment negativo/positivo dei vari tweets.

    • vincos

      Grazie Stefano. In futuro sul blog di BlogMeter faremo qualche post in merito alla metodologia usata.

  • Pingback: L'informazione di Rbe - Terremoti in Emilia: la terra continua a tremare e il maltempo ostacola i soccorsi – L'informazione di Rbe()

  • Giorgia Anile

    Ciao, che software hai usato per l’analisi dei sintagmi? Chi ha fatto la mappatura semantica?

    • vincos

      Un software sviluppato da BlogMeter 

  • Pingback: Analisi del terremoto su Twitter « I media-mondo. La mutazione che vedo attorno a me.()

  • Post veramente interessante….. Complimenti Vincenzo!!!

  • Pingback: Terremoto in Pianura Padana, social media e crowdsourcing | Alessandro Prunesti()