Un anno di social media in Italia

La storia dei social network nel nostro paese è stata caratterizzata essenzialmente da tre fasi:

1. il periodo dell’innamoramento per MySpace (inizio 2007)
2. l’interesse verso le “bridging communities” come Netlog e Badoo (in cui lo scopo prevalente è quello di fare nuove amicizie) guidato soprattutto dai teenagers (fine 2007)
3. l’amore per Facebook (in crescita dal settembre 2008)

Gli ultimi mesi del 2011 fanno considerare la possibilità di una quarta fase: l’interesse per Twitter (cui avevo già dedicato un approfondimento).

Facebook ha raggiunto nuovi traguardi: 20.889.260 di utenti, dei quali 3 milioni entrati nel 2011. Inoltre 7.5 milioni accedono da dispositivo mobile ogni mese. Quest’anno segna anche un cambiamento nella composizione demografica degli iscritti: diminuisce il peso dei teenager e aumenta quello degli ultra trentaseienni.

facebook iscritti 2008 2011

Il secondo social network più visitato dagli italiani è Badoo, che ha ripreso a crescere, distaccando il rivale Netlog.
Aspra la lotta per il terzo posto tra due piattaforme molto diverse: LinkedIn e Twitter. Mentre la prima permette di rilevare il numero di iscritti, sono 2.814.745 gli italiani su LinkedIn, la seconda mantiene il segreto. Di conseguenza l’unica approssimazione per capire le tendenze di sviluppo è utilizzare il traffico verso i rispettivi siti, anche se a questo andrebbero aggiunti gli accessi attraverso applicazioni (vedi immagine in basso tratta da Google Trends for Websites).

social media italia 2011

Trasversale ai social network è la galassia dei blog, che continua ad espandersi a livello mondiale: sono 70 milioni i blog su piattaforma WordPress e 40 milioni quelli su Tumblr. Anche in Italia Tumblr è cresciuto quest’anno, raggiungendo 1.6 milioni di visitatori unici mensili.

Il 2012 potrebbe essere l’anno di Google+ l’unico nuovo entrante che ha destato l’interesse degli italiani, se si considerano i volumi di ricerca del termine su Google. Quora, Path e Pinterest di cui si parla oltreoceano, non fanno rilevare volumi consistenti di ricerca. Di chi s’innamoreranno gli italiani nel 2012 ?

9 Comments