Le novità social del 2016 e i trend del 2017

L’anno che si è appena concluso è stato caratterizzato da uno spiccato dinamismo da parte delle maggiori piattaforme di social media, che ha reso evidenti alcune tendenze, cruciali per i marketer nel 2017. Di seguito ho provato a riassumere le novità più interessanti dei grandi player, mentre in una serie di video, ospitati sul canale YouTube di Blogmeter, evidenzierò quelli che mi sembrano i trend della comunicazione da approfondire.

FACEBOOK ha superato quota 1,6 miliardi di utenti attivi al mese e ha reso chiaro di voler diventare una piattaforma video, alternativa a YouTube. E così ha migliorato le funzioni di caricamento, editing e insight dei video. Ha dato preminenza ai filmati LIVE nel newsfeed e ha introdotto i video live a 360°.
Inoltre ha annunciato Live Audio e esteso la pubblicità dinamica al Mobile App Install.

INSTAGRAM ha toccato quota 600 milioni di utenti attivi mensili ed è stata la piattaforma che ha introdotto il maggior numero di novità. Sul versate pubblicitario ha raggiunto i 500.000 inserzionisti e per loro ha allungato i video ads a 60 secondi, ha introdotto i Dynamic Ads e il formato verticale.
Il suo News Feed è diventato algoritmico, abbandonando la visione cronologica dei contenuti.
Copiando Snapchat ha aggiunto la funzione Stories, che permette di creare micro-storie composte da immagini fisse e in movimento, caricate in sequenza, che scompaiono dopo 24 ore. Queste potranno anche essere trasmesse LIVE (presto anche per gli italiani).
Inoltre è stata rinnovata la sezione Esplora nella quale viene dato più spazio ai video e alle storie in diretta. E’ stata aggiunta la possibilità di zoomare sulle foto e di inviare messaggi diretti che scompaiono.

TWITTER non è cresciuto e la gestione Jack Dorsey ha portato poche innovazioni di prodotto. Da segnalare che nel computo dei 140 caratteri non vengono più presi in considerazione gli url, i video, le immagini e le emoticons.
Le funzione per trasmettere in diretta sono state incorporate in Twitter e non necessitano più dell’app Periscope.

SNAPCHAT è diventata SNAP Inc. La chat è stata enormemente potenziata, sono stati introdotti i gruppi, i geo-filtri on demand per gli inserzionisti e la funzione memories, che permette di salvare i contenuti prodotti.
Interessante l’ingresso nel mercato dei prodotti consumer con il lancio degli occhiali Spectacles che permettono di fare video e caricarli sulla piattaforma.

PINTEREST ha continuato a crescere raggiungendo i 150 milioni utenti mensili. Ha esteso i formati di advertising e ha introdotto il retargeting. Infine ha rinnovato la sua sezione Explore e iniziato a stimolare l’engagement degli utenti, attraverso l’invio di notifiche automatiche su nuovi pin di interesse.

1 Comment

  • Rispondi gennaio 17, 2017

    Andrea Torti

    Facebook e famiglia sembrano sempre inarrestabili – anche se Snapchat sembra un valido competitor per Instagram.

    Quanto a Twitter… beh. ho l’impressione che il 2017 sia l’anno della svolta – se in positivo o in negativo, ancora non so!

Leave a Reply