Aziende e brand hijacking: Barclays e Diesel

E’ immediato pensare che il cosiddetto brand hijacking, o manipolazione creativa di una campagna o di un logo, sia limitato al solo territorio digitale. E’ relativamente semplice modificare i bit di una campagna di successo per commentarla o contestarla (in basso un esempio che ho creato a partire dalla osannata campagna Diesel).

diesel be stupid spoof

In realtà l’hacking del mondo di atomi è sempre esistito, pensate alle modifiche rozze fatte con lo spray alle insegne, ma oggi iniziano ad apparire fenomeni più elaborati di “urban branding hijacking“. Un esempio viene citato dal collega inglese Chris Pratt e riguarda la campagna “Boris Bikes” di Barclay, che alcuni “buontemponi” hanno modificato utilizzando anche gli stessi font.

barclays bike

Sarebbe ora che le aziende iniziassero a prendere coscienza di questi fenomeni, imparassero a gestirli o magari prevedessero uno spazio di creatività a disposizione dei consumatori-creatori…ma questa, mi rendo conto, è fantascienza 🙂

3 Comments

  • […] This post was mentioned on Twitter by Claudio Vaccaro, KLOPTBAZE. KLOPTBAZE said: Aziende e brand hijacking: Barclays e Diesel http://ff.im/-qRVYX […]

  • settembre 22, 2010

    evilripper

    non credo sia cosi’ impossibile come cosa magari fra qualche decina di anni lo faranno! 😀

  • ottobre 5, 2010

    Domenico

    Non è quello che è successo (e forse anche voluto) con Berlusconi durante la campagna elettorale contro rutelli? Faccia di Berlusconi e slogan. In breve giravano parodie (faccia di berlusconi sporco di grasso, cappellino blu e slogan: “vogliamo un presidente operaio”) che contribuivano però a dire: “a destra, il leader è lui”