Come vengono calcolate le visualizzazioni dei video dalle diverse piattaforme?

Con la complicità della disponibilità di banda e di connessioni sempre più veloci, il web si va sempre più affollando di contenuti video e molti social media sembrano volersi trasformare in una nuova televisione non lineare. Lo scorso anno, secondo i dati di eMarketer, gli investitori pubblicitari hanno speso qualcosa come 27,8 miliardi di dollari in formati pubblicitari video. Essi rappresentano metà degli introiti per Twitter, per Snapchat ed il 30% per Facebook.

video advertising calcolo visualizzazioni

Ma come calcolano le visualizzazioni le diverse piattaforme social?

Il Media Rating Council (MRC) e lo IAB hanno stabilito che un video va considerato come visto “quando almeno il 50% dei pixel che formano una pubblicità video sono risultati visibili sullo schermo dello spettatore per almeno due secondi consecutivi”. Alcune piattaforme hanno adottato questo standard per “addebitare” le visualizzazioni agli inserzionisti, mentre altre si sono date regole diverse che è bene conoscere.

Google e YouTube: i video ospitati sul Google Display Network e su YouTube (nei suoi formati TrueView) calcolano la visualizzazione quando lo spettatore guarda 30 secondi di una pubblicità video o per l’intera durata di essa se il video è inferiore a 30 secondi;

Facebook e Instagram: contano la visualizzazione se l’utente resiste per 3 secondi. Ma se gli inserzionisti acquistano video ad a CPM la visualizzazione è conteggiata quando 1 pixel della pubblicità diviene visibile. Mentre se acquistano sulla base di ThruPlay ricevono l’addebito solo quando la pubblicità viene vista per il 97% o fino a 15 secondi se il video è breve (se dura massimo 15 secondi);

Twitter: calcola la visualizzazione del video pubblicitario quando il 50% dell’ad è visto per almeno 2 secondi o quando lo spettatore clicca per espanderlo o attivare l’audio;

LinkedIn: conta la visualizzazione quando il 50% della pubblicità viene vista per 1 secondo da desktop o 300 millisecondi da dispositivo mobile;

Pinterest: considera la visualizzazione quando si vede la pubblicità per il 50% per almeno 2 secondi;

Snapchat: mostra le pubblicità a schermo pieno con audio e considera il criterio di 2 secondi.

Be first to comment