Apple: ricavi 2019 e sviluppi futuri

Apple ha pubblicato il bilancio del 2019 dal quale è possibile capire quali sono le sue maggiori fonti di ricavi e la loro dinamica nel tempo.
Un dato preliminare da ricordare è la sua stellare capitalizzazione di mercato pari a 1,4 trilioni di dollari, poco più di Microsoft (1,37 trilioni) e di Amazon (1,02). Un indicatore della fiducia che il mercato ha nell’azienda.

apple composizione ricavi 2019

Nel 2019 i profitti sono stati di 55,256 miliardi e i ricavi di 260,174 miliardi così suddivisi:

– la vendita di iPhone, che vale oltre la metà degli introiti, ha generato 142,381 miliardi. Di questi 56 miliardi sono stati incassati nell’ultimo trimestre dell’anno, grazie ad una domanda degli iPhone 11 superiore alle aspettative. Complessivamente si è registrato un calo del 14% rispetto al 2018;

– i servizi rappresentano la seconda fonte di ricavi per Apple. Nel 2019 ne hanno generati 46,291 miliardi, ossia +16% rispetto all’anno precedente. La parte del leone la fanno le vendite all’interno dell’App Store, ma anche quelle dell’AppleCare;

– i ricavi dalla vendita dei Mac, i personal computer con sistema operativo macOS, sono stati pari a 25,740 miliardi. Si tratta di un segmento cresciuto solo del 2% grazie soprattutto alle performance dei MacBook Air;

– il segmento “Wearables, Home and Accessories” ha generato 24,482 miliardi di dollari, con una crescita di ben 41 punti percentuali rispetto allo scorso anno. Qui hanno inciso la forte domanda di AirPods e di Apple Watch, di questi ultimi sono stati venduti 31 milioni di pezzi (+36%) ossia più di tutti gli orologi svizzeri;

– gli iPad hanno fatto realizzare vendite per 21,280 miliardi di dollari, in crescita del 16% rispetto all’anno precedente. Un segmento che regge perché Apple continua ad essere leader di un mercato presidiato con poco convinzione dagli altri player.

I mercati che crescono sono quelli delle Americhe (+4%) e del sud est asiatico (+2%), mentre gli altri subiscono una battuta d’arresto. In particolare in Cina le vendite sono calate del 16% e la situazione non potrà che peggiorare a causa del rallentamento economico causato dal virus Corona.
Quest’anno Apple continuerà con più forza a spingere la vendita di servizi (le formule di abbonamento legate ad Apple Store e AppleTV+ in particolare) e probabilmente a presidiare anche la parte bassa del mercato degli smartphone con versioni dell’iPhone meno costose.
Probabilmente i 99 miliardi di liquidità verranno usati per qualche acquisizione importante, ma difficilmente vedremo innovazioni in nuove categorie. Sicuramente si sta lavorando ad un visore per la realtà aumentata, ma non credo vedrà la luce nei prossimi 12 mesi. L’attitudine di Tim Cook è più orientata alla crescita graduale del business che ad azzardi d’innovazione.

1 Comment

Leave a Reply